Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

sabato 26 maggio 2018Aggiornato il:

La mia esperienza al meeting di Travel365

La scorsa settimana ho partecipato al meeting di Travel365 ed è stata un'esperienza che vi devo assolutamente raccontare. Anche perché avevo tanti dubbi e un po' d'ansia prima di partire.

Tanto per darvi un'idea delle mie preoccupazioni, non avevo idea di cosa fosse un meeting per blogger, e come già in passato mi sono chiesta più volte, non ero neanche tanto sicura di esserlo, una blogger.

Sono partita così per Bellaria Igea Marina, senza avere la minima idea di cosa aspettarmi, ma soprattutto di chi aspettarmi. Sono sola e sto andando in un posto dove non conosco nessuno.
Forse ci sto prendendo gusto a viaggiare da sola.

Il racconto della mia partecipazione al secondo meeting di Travel365



Il mio arrivo a Bellaria Igea Marina e le prime impressioni

Appena sono arrivata all'Hotel San Salvador sono stata accolta da sorrisi e piadine calde, un cartellino da indossare col nome del mio blog (che siamo in tanti e almeno ci riconosciamo subito), e sono salita in camera giusto il tempo di lasciare lo zaino.
Superato l'imbarazzo iniziale, durato giusto cinque minuti, stavo già chiacchierando con gli altri blogger.

A proposito dell'hotel San Salvador. Avete presente tutte le qualità che vorreste trovare in un albergo? Gentilezza, simpatia, professionalità, belle camere, pulizia... Ecco, aggiungete pure che si trova a due passi dal mare e che si mangia stra-bene e forse vi ho dato una vaga idea del perché vorrei tornarci immediatamente in vacanza. Mi hanno assegnato una bellissima singola con balcone al quarto piano da cui vedevo un pezzetto di mare, e io quando vedo il mare sono felice.

Sarà che l'ambiente è accogliente, e che i ragazzi di Travel365 sono davvero bravi a coinvolgere, ma non mi era mai successo di fare amicizia così in fretta. Questo per me è uno dei tanti punti a favore di questo meeting: trovarsi con altre persone che condividono la tua stessa passione per i viaggi è davvero bellissimo.

Poter parlare per ore di viaggi, progetti, itinerari, esperienze, senza paura di annoiare, ma anzi sentendo lo stesso entusiasmo, è un qualcosa di esaltante per me. Ed è molto utile. Parlando, ma soprattutto ascoltando, mi sono venute in mente un sacco di idee, spunti per nuovi progetti, ho avuto moltissimi stimoli per migliorare e per la prima volta dopo mesi mi è tornata la smania di fare, imparare, mettermi in gioco.

I partecipanti al secondo meeting di Travel 365
Facce da blogger


Formazione, gare e un piccolo infortunio

Abbiamo studiato e imparato tantissimo, almeno per quanto mi riguarda. Non eravamo tutti allo stesso livello, c'era chi di SEO e termini tecnici sapeva poco o niente e chi invece sapeva tanto, ma le lezioni sono state interessanti e coinvolgenti per tutti. Avevo paura che questa sarebbe stata la parte più noiosa e invece mi sono ritrovata a prendere appunti come la migliore delle secchione. Non mi smentisco mai.

Lo ammetto, è stato piuttosto impegnativo. Sono state giornate fitte di impegni, ma anche quando avrei avuto un'oretta per andare in camera a rilassarmi ho preferito restare a chiacchierare con gli altri.

Ho avuto momenti in cui ho dovuto tenere a bada l'ansia: durante lo speedy meeting, quando ho dovuto proporre il mio blog a persone conosciute due secondi prima. Io, che sono la regina delle scene mute. In questo caso devo dire che averci fatto fare la degustazione vini poco prima è stato un colpo di genio.

E poi ho partecipato alla cooking challenge, che a pensarci adesso mi viene da ridere, ma lì per lì pensavo di dover alzare bandiera bianca e ritirarmi. Ora che è passato e che naturalmente non ho vinto lo posso confessare. Ho cominciato a fare dolci da quattro mesi, sporadicamente anche se con discreti risultati, solo per partecipare a questa gara. Incosciente e masochista che non sono altro.

Sono orgogliosa comunque di aver fatto assaggiare il mio bunet alla giuria, anche se mi sono presentata zoppicante e dolorante. Non mi sono fatta mancare niente in questi giorni, e già che c'ero mentre facevamo una passeggiata dopo cena ho pensato bene di volare e schiantarmi (di faccia) sul marciapiede.
Se volete consigli su come fare figure di merda scrivetemi, sono un'esperta.

Contro ogni pronostico siamo andate forti al quizzone serale, su sei squadre la nostra si è classificata seconda. Non abbiamo vinto una fava manco in questa occasione ma son soddisfazioni!


Cosa abbiamo mangiato all'hotel San Salvador di Igea Marina
La grande abbuffata
Simona (gattosandro viaggiatore) e Cristina (Irelandreams)
È stata dura, ma alla fine sono riuscita a presentare il mio bunet ♥


Gita a Santarcangelo

E siamo arrivati all'ultimo giorno, quando abbiamo fatto una gita bellissima a Santarcangelo, dove abbiamo conosciuto una persona speciale che ci ha accompagnati attraverso la storia della sua infanzia nelle grotte per difendersi dai bombardamenti durante la seconda guerra mondiale.
Quasi una città sotterranea di cui ci ha parlato come si parla di casa propria, creando un coinvolgimento emotivo che mi ha davvero commossa. Lui si chiama Alberto ed è stato il vero valore aggiunto di questa piacevole escursione.

Oltretutto siamo capitati a Santarcangelo durante la festa dei fiori e dei balconi fioriti, quindi immaginate che meraviglia trovare la piazza principale (Piazza Ganganelli) ricoperta di fiori e piante. E poi fiori anche nelle vie che si inerpicano sulla collina, da cui si gode di un panorama eccezionale.

Il tempo è volato, dobbiamo tornare in hotel. Qualcuno è già in partenza ed è arrivato il momento più brutto: quello dei saluti.

Tra le vie di Borgo Santarcangelo
Gita a Santarcangelo
Balconi fioriti e fiera dei fiori a Santarcangelo
Un tappeto di fiori


Ho conosciuto persone bellissime, mi sono divertita e spero davvero di restare in contatto con molte di loro. Gli abbracci prima della partenza mi resteranno nel cuore, sembra incredibile che in così poco tempo si possano creare legami così forti, ma è successo davvero, ed è proprio questo il bello.

Sono tornata a Torino col sorriso stampato in faccia.


Alla fine, dunque, ho capito cos'è un meeting? E soprattutto, posso dire di essere una blogger?


Cos'è un meeting per blogger?
Essendo la mia prima esprienza io posso solo dirvi cos'è il meeting di Travel365: una full immersion di tre giorni di formazione, gare, dibattiti, scambi di idee, spunti e condivisioni.
E di grandi mangiate, aggiungerei.
E di nuove amicizie, soprattutto.
Io non lo so se tutti i meeting sono così (ne dubito) ma di certo questo è stato perfetto, grazie anche allo staff dell'Hotel San Salvador che si è fatto in quattro per tutti noi. (Grazie soprattutto per il supporto pratico e morale durante la sfida dei dolci, senza il vostro aiuto non ce l'avrei mai fatta).
Se ci sarà il 3° meeting il prossimo anno io ci sarò di certo.

Siamo sicuri che io mi possa definire una blogger?
Direi di sì. Adesso mi hanno anche fornito tutti gli strumenti per diventare una brava blogger (che ad essere blogger sono capaci tutti). Questo sta a me, e so che non sarà semplice.
Quel che è certo è che ho trovato quello che cercavo, cioè la voglia di andare avanti, l'impegno a fare meglio, l'entusiasmo, e quella pacca sulla spalla di incoraggiamento di cui spesso ho bisogno.


È stata una bellissima esperienza.

Le blogger che hanno partecipato al secondo meeting di Travel365






10 commenti:

  1. Oh, ma che cosa carina! Se ci torni l'anno prossimo mi porti con te? Così magari imparo qualcosa anch'io! 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma magari!!!! Certo che sì! E poi pensa che ero l'unica di Torino

      Elimina
  2. Son contenta che alla fine sia andata bene :) a vedere le foto eravate tantissimi, io credo che sarei morta d'ansia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eravamo una cinquantina :) Però è stato bello

      Elimina
  3. Bellissimo resoconto! è stato un piacere conoscerti Simona, ce ne vorrebbero di più di esperienze così!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stato davvero bello conoscervi, non avrei mai immaginato che sarebbe stata un'esperienza così bella!

      Elimina
  4. Ma che bello Simo, io mi sono sempre chiesta se vale la pena o no andare a questi meeting, soprattutto per me che ho un blog che non rientra in nessuna macro categoria...chissà che prima o poi non mi decida anche io a partecipare a qualcosa del genere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha partecipato anche qualcuno che il blog non l'ha ancora aperto. Questo per dirti che non c'è una tipologia di blog specifica per partecipare (sto parlando di questo meeting, non ho altre esperienze). C'era chi scrive di cucina, chi scrive di viaggi, è intervenuta anche Agnieszka di Combinando, la conosci? Ognuno ha avuto lo spazio per imparare e per proporre il proprio progetto, ci siamo scambiati idee e spunti per eventuali collaborazioni. Insomma, se l'anno prossimo ci sarà di nuovo vieni!!!!!

      Elimina
  5. Che bellissima esperienza!😊 Come ho detto su Instagram conosco bene Bellaria Igea Marina, ci vado in vacanza da quasi tutta la vita 😁, io vado all'hotel Italia. Belle foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io erano secoli che non mi trovavo da quelle parti, ed è sempre bello tornarci. Questa poi è stata un'occasione speciale :)

      Elimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.

(Mi trovo costretta a inserire temporaneamente la moderazione ai commenti dei post più vecchi per tenere a bada lo spam. Abbiate pazienza, lo tolgo appena riesco a risolvere il problema).

Info sulla Privacy