Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

lunedì 3 settembre 2018Aggiornato il:

Diario di viaggio a Taiwan - Arrivo a Taipei

Sono appena tornata da Taiwan, e questa è la prima puntata del mio diario di viaggio. Come sempre le info pratiche sono in fondo al post, e in un secondo momento le raccoglierò tutte in una pagina dedicata. Se sei su questo blog perché stai organizzando un viaggio a Taiwan e vuoi subito le risposte ai tuoi quesiti, lasciami un messaggio o scrivimi utilizzando il modulo di contatto. Per tutti gli altri, buona lettura. 


Diario di viaggio a Taiwan - Arrivo a Taipei
10 - 11 agosto 2018


Sarò matta, ma mi mancava tanto stare su un aereo

Di come un semplice transito si può trasformare in una Chinese Odyssey


Il volo Air China Malpensa - Shanghai fila piuttosto liscio, riesco addirittura a riposare un po' trovando una posizione relativamente comoda perciò quando atterriamo sono piena di energie ed entusiasmo.
Entusiasmo che viene messo a dura prova appena mi rendo conto del delirio che bisogna affrontare durante un transfer a Shanghai Pudong. Ve la faccio breve: se potete, evitate di passare di qua.

Da qualche anno in Cina hanno introdotto i visti temporanei nelle principali città d'arrivo. In poche parole potete passare da Shanghai (o Beijing, o Guangzhou, o un sacco di altre città) e ottenere un visto che vi permette di restare fino a 144 ore in suolo cinese senza dovervi procurare il costoso visto turistico dall' Italia. Ora, è una gran cosa e se volete approfondire qui trovate una spiegazione ampia e dettagliata, ma siccome io non mi fermo a Shanghai ma tra tre ore ho un volo per Taiwan passo oltre.


Vado al check passaporti, dopo aver fatto un primo controllo da sola alle macchinette che in teoria dovrebbero accorciare i tempi (dato che tra l'altro il tempo stringe e col delirio di gente che c'è rischio di perdere il volo per Taipei). Al controllo passaporti mi dicono che lo sportello per il transfer è l'ultimo in fondo, lo stesso del visto temporaneo. Per quale motivo? Non lo so, ma è così, e qui arriva la chicca.

Fai la coda, arrivi col passaporto e i fogli diligentemente compilati, ottieni il visto temporaneo, passi il tornello per uscire, ti rimetti in coda, rifai tutti i controlli (bagagli, passaporto, impronte digitali e foto ricordo) e rientri. Il fatto che non ci sia uno sportello dedicato a chi passi da Pudong solo per le coincidenze aeree mi sfugge. Dove sia il senso di questa procedura non lo so, non volevo cominciare a smadonnare perché il viaggio è gioia pace e amore, ma qualche maledizione gliel'ho tirata, specialmente quando mi hanno smontato lo zaino per sequestrarmi un pericolosissimo accendino. Comunque riusciamo a lasciare il suolo cinese (con qualche lacrimuccia, perché nonostante tutto resta il mio posto preferito nel mondo) e voliamo verso Taiwan.

Ti sequestrano gli accendini e poi li ritrovi sottochiave nelle smoking area


Procedure di immigrazione a Taiwan


Da Shanghai a Taipei sono due ore scarse di volo, e la procedura di immigrazione a Taiwan è molto più svelta rispetto a quella cinese. Peccato che quando arriva il mio turno al controllo passaporti il poliziotto trovi moooolto sospetto il visto cinese. È evidente che non si spieghi come mai sono entrata e uscita dalla Cina nello stesso giorno (e me lo chiedo pure io!), e gli altri visti cinesi sul passaporto destano ulteriori sospetti. Mi avrà presa per una trafficante di involtini primavera? Se ne sta lì a guardare minuziosamente la mia foto con la lente d'ingrandimento, senza decidersi a lasciarmi passare. Nonostante il mio rassicurante (ma inutile) sorriso innocente, osserva attentamente la foto, poi me, poi la foto, poi me e scuote la testa. Allora, ho capito che quella foto è di 8 anni fa e potrebbe anche essere, forse, che io sia leggermente cambiata, ma sono io lo giuro!

Finalmente si decide, mi mette il benedetto timbro, e posso uscire da sto delirio di burocrazia.
Per la cronaca, il visto per Taiwan è gratuito e dura 90 giorni.


In aeroporto ho problemi a prelevare, ma appena mi passa l'ansia e torno a ragionare risolvo la questione , grazie soprattutto al fatto che posso collegarmi al sito della mia banca usando il wifi libero, che a Taiwan ho trovato praticamente ovunque. Sia santificato il wifi gratuito, santo protettore dei viaggiatori.

gattosandro viaggiatore
Finalmente a Taipei

Finalmente Taipei


Faccio i biglietti alle macchinette automatiche e prendiamo il treno che in circa tre quarti d'ora ci porta alla stazione centrale di Taipei. Da lì, dopo aver macinato chilometri sotterranei, prendiamo la metro e finalmente riemergiamo in superficie. Siamo nel quartiere Ximending, e tutto ciò che vedo mi sembra bellissimo. Caldo, molto caldo, e suoni, insegne, negozi, profumi, vie pedonali e portici dove si passa a fatica tra la gente, e sarà la stanchezza ma mi sento come se fossi ubriaca.

Trovo subito la strada giusta per l'albergo, che in realtà è un residence senza insegna dove ci sistemiamo in uno studio con angolo cottura. Per quello che costa (ho trovato una mega offerta su booking) ero certa che sarebbe stata una stamberga minuscola e brutta, invece abbiamo un mini appartamento spazioso e pulito, con un balcone dotato di frigo e lavatrice. La vista non è il massimo ma va benissimo lo stesso.

gattosandro viaggiatore
La via pedonale di Ximending (Taipei) proprio dietro il nostro studio


Anche se siamo sballati dal fuso orario (siamo 6 ore avanti rispetto all'Italia) usciamo a fare una gita in zona. Ximending è soprannominata "la Harajuku di Taipei". Per chi non è mai stato a Tokyo, Harajuku è un quartiere coloratissimo pieno di negozietti frequentato da ragazzi e ragazze altettanto colorate. Secondo me, più che Harajuku, assomiglia a Shibuya, ma le similitudini col Giappone sono evidenti in tantissime altre cose, qui a Taipei. Lo si nota nel modo in cui le persone fanno la coda, per come sono ordinati, cordiali, per la pulizia e per il fatto che non ci sono cestini in giro, per esempio. Per il divieto di fumo quasi ovunque e per le smoking area, per l'uso smodato di manga e anime e per un sacco di altre cose che avrò modo di notare ovunque nei prossimi giorni.

L'influenza giapponese è evidente anche nel cibo, e per la nostra prima cena in suolo taiwanese decidiamo di mangiare sushi, accompagnandolo alle famose ostriche fritte, che a Taiwan sono un piatto da provare assolutamente. Io le preferisco crude, ma ammetto che cucinate così non sono male.

E dopo una giornata cominciata 34 ore fa, direi che è il caso di andare a casa a dormire un po'.

gattosandro viaggiatore
In giro per Ximending: insegne carine - cinema - banchetti creativi

gattosandro viaggiatore
I palazzi con gli schermi luminosi, le bancarelle e il mio primo tramonto a Taipei
gattosandro viaggiatore
Le bancarelle degli artisti, intorno alla Red House

gattosandro viaggiatore
Alcuni piatti della nostra prima cena a Taipei: sushi, tempura e nigiri con anguilla

gattosandro viaggiatore
Tutte queste luci mi piacciono da morire



-------------------------------------------------------

Info pratiche e costi


Nel valutare il budget di viaggio a Taiwan, oltre al costo del volo che varia in base al periodo e l'anticipo con cui lo acquistate, considerate una media di 30 euro a notte per dormire in una doppia con bagno (che scende a 7-10 euro a testa se vi accontentate di un letto in camerata) e di circa 25/35 euro al giorno a testa per mangiare. Una singola corsa in metro costa l'equivalente di 80 centesimi/1 euro, il giornaliero della metro circa 4.50 euro.

Convertitore valuta: 1 euro corrisponde a circa 36 NT$. Ci sono banconote da 1.000, 500 e 100 NT$, e monete da 10, 5 e 1 NT$. Molte macchinette automatiche della MRT (la linea metro) accettano solo moneta o banconote da 100.

L'aeroporto internazionale di Taipei si trova a Taoyuan, collegata a Taipei col treno (linea viola):
- Common Train, che ferma a tutte le stazioni e impiega circa un'ora, 140 NT$
- Express Train, che fa solo 4 fermate e impiega poco più di mezz'ora, 160 NT$
A Taipei ferma a Beimen (sulla green line) e Taipei Main Station (sulla red line e blue line).
È tutto ben segnalato e in doppia lingua, basta seguire le indicazioni e ci si orienta in fretta. E comunque se avrete bisogno di aiuto troverete sempre qualcuno che vi darà una mano per qualsiasi cosa. I taiwanesi parlano inglese e sono di una disponibilità e gentilezza pazzesca.

La mia sistemazione a Taipei:
O2 Hotel - Ximen Branch
A due passi dalla fermata metro Ximen (blue e green line), circa 30 euro a notte per uno studio con letto matrimoniale e balcone. Comprato in anticipo su booking con l'opzione scontata non rimborsabile.
Pro: posizione, dimensione, comfort in camera. Contro: è un appartamento, non c'è il servizio di pulizie giornaliero (portano solo via la pattumiera tutti i giorni) ma se avete bisogno di cambio asciugamani, carta igienica e qualsiasi altra cosa basta chiedere in reception al settimo piano. In complesso l'ho trovata una sistemazione fantastica e se dovessi tornare mai a Taipei la sceglierei di nuovo.

Cena a Taipei
Per mangiare c'è l'imbarazzo della scelta e Taiwan è un paradiso gastronomico. Abbiamo cenato da Da Che Lun in Hangzhong Street. L'ambiente è carino e il cibo ottimo, anche se non è proprio economico. Abbiamo preso ostriche fritte, sushi, tempura e costolette d'agnello. 1760 NT$ in totale, comprese due Taiwan Beer.
---------------------------------------------------------


17 commenti:

  1. Sarà per la vicinanza al Giappone, ma mai avrei immaginato che dormire a Taipei costasse così poco D: con la lingua ti sei trovata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho passato due mesi buoni a cercare hotel e tariffe, Taipei non è molto economica ma se ci si accontenta di sistemazioni "modeste" si trovano stanze a poco. Io preferisco evitare le stanze e i bagni condivisi, dove trovi da dormire a pochissimo, anche se mi stuzzicava l'idea di provare i capsule hotel, ce ne sono di bellissimi.
      Credo di avere ormai l'orecchio abituato al cinese, e con gli anni ho imparato diversi ideogrammi, ma comunque a Taiwan quasi tutti sanno comunicare in inglese e non si vergognano di farlo, anche se lo parlano male o conoscono solo quattro frasi in croce. In pochissime situazioni ho avuto difficoltà di comunicazione.

      Elimina
  2. E' inserita nei miei desiderata, spero presto, ma temo non troppo presto!Comunque intanto leggo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In molti mi hanno chiesto perché ho fatto tante ore di volo per andare su un'isola così piccola, mi era venuto il dubbio di aver fatto una stupidaggine non abbinarla a un altro posto. Invece ci sono tantissime cose da vedere ed è un piccolo gioiellino.

      Elimina
  3. Mi piace sempre cosi' tanto leggere i tuoi viaggi! ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ♥ Pensa che ero in dubbio se continuare a scrivere i miei diari o lasciar perdere :)

      Elimina
  4. Continua a scrivere...adoro i tuoi diari,i tuoi consigli(sempre utili).Siamo viaggiatori indipendenti,Amiamo la Cina💙...quest'anno a novembre faremo il quarto viaggio(più Taipei).Abbiamo visitato regioni di una bellezza travolgente(Gansu,Yunnan,Fujian,Sichuan....)Comprendo il tuo amore per questo straordinario,paese.Grazie Simona


    RispondiElimina
  5. Lasciar perdere??? Nemmeno per sogno....i tuoi diari sono bellissimi...le informazioni tra l’altro precise(testate sul campo personalmente) le emozioni che trasmetti fanno del tuo blog uno strumento prezioso per noi viaggiatori incalliti.
    Dico sul serio Simona.
    A presto.Loretta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok ho capito, non lo dico più :)
      Grazie di cuore Loretta, i tuoi commenti mi danno sempre un sacco di stimoli e mi fanno un piacere immenso ♥

      Elimina
    2. Ma è la verità cara,semplicemente la verità.Sei brava !!!
      Quando mi rileggo le 10 fasi del viaggiatore....sghignazzo perché si parla di me.....e qua purtroppo non se ne viene fuori...appena arrivo a casa si ricomincia con la prima fase.....

      Elimina
    3. Ahahaha!! Anch'io, appena tornata e già nella prima fase. È una malattia :)

      Elimina
    4. Si sì...è una malattia....😍😍😍

      Elimina
  6. Bentornata! Io ho adorato Taipei e pur non essendo una metropoli con attrazioni sfacciatamente appariscenti come altre asiatiche (a parte forse il Taipei 101) è sicuramente tra le mie preferite, ma più in generale tornerei a Taiwan ad occhi chiusi :) Ora rimango in attesa di leggere i restanti post sul tuo viaggio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! Noto che chi è stato a Taipei ne onserva un ottimo ricordo, io me ne sono innamorata e credo che sia anche per la gente che ho incontrato. Non è una città appariscente, è vero, ma la trovo bellissima, e per me è stato amore a prima vista.

      Elimina
  7. Ahaha una trafficante di involtini primavera!

    P.S. Capitolo zaino. Smontato mica perchè conteneva un temibile accendino, ma in quanto brutto e verde :) (suppongo sia quello)

    RispondiElimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.



Info sulla Privacy