Icona-facebook Follow Me on Pinterest Icona-facebook

domenica 14 luglio 2019Aggiornato il:

Il mio viaggio a Praga [seconda parte]


Stamattina il cielo è splendido, si preannuncia una bella giornata. Facciamo colazione in albergo (ne approfitto sempre quando è inclusa) e andiamo a prendere il tram per il Castello di Praga. Ci si potrebbe andare in metro, risparmiando parecchio tempo, ma quando si hanno pochi giorni a disposizione una corsa in tram aiuta a vedere la città dal finestrino ed è piacevole.

Il tram lascia proprio vicino all'ingresso, dove c'è una discreta coda (dovuta all'ispezione di sicurezza) che però scorre in fretta. Una volta dentro bisogna passare dalla biglietteria dove ci sono diverse tipologie di pass, con relativo prezzo. All'esterno c'è un tabellone che spiega tutto per bene, io mi ero già informata e sapevo quale pass fare in base alle cose che ho scelto di visitare. 

Alla biglietteria una signora non ci stava capendo niente e faceva domande in italiano bloccando la coda. Ora, è vero che in giro ho trovato alcune persone che l'italiano lo capivano, ma siamo a Praga, come puoi rivolgerti al bigliettaio in italiano e pensare che ti capisca? Quello le rispondeva in inglese, poraccio, ma la signora non spiccicava una parola. L'abbiamo presa da parte, le ho spiegato brevemente i tipi di pass e l'abbiamo piazzata davanti al cartello (radunando anche le amiche) lasciandole lì a studiare. Lavoro col pubblico da tantissimo tempo, non potevo vedere soffrire così un povero cassiere.

gattosandro viaggiatore
Il Castello di Praga

giovedì 4 luglio 2019Aggiornato il:

Chiacchiere di giugno (tre più una)

Giugno col bene che ti voglio. Ah, no, quello era luglio, ma vabbè, è uguale, perché quest'anno giugno l'ho amato particolarmente. Ho fatto molte cose, lavorato parecchio, e ho pure viaggiato.
È un periodo che ho un sacco di cose che ho voglia di raccontare qui sul blog, e allora ho deciso di inaugurare la rubrica mensile "le chiacchiere di Gattosandro".

Dunque, ecco le mie chiacchiere di giugno (tre più una). 



La mia intervista su Rolling Pandas.


Conoscete Rolling Pandas? È un sito di viaggi su misura e tour organizzati personalizzabili. Io non l'ho mai usato (sono una fanatica del fai da te, come ben sapete) e a dire il vero non lo conoscevo nemmeno, ma lo trovo ben fatto e ha proposte interessanti. 
Sono stata contattata perché pare che qualche loro lettore abbia segnalato il mio blog e dopo aver valutato positivamente i miei contenuti mi hanno proposto un'intervista da pubblicare sul loro sito.

domenica 30 giugno 2019Aggiornato il:

Il mio viaggio a Praga [prima parte]

L'ondata di caldo mi ha portato via parecchie energie, ma provo a mettere ordine nei pensieri per raccontare la mia breve vacanza a Praga. Sono stati giorni splendidi, di sole, lunghe camminate, visite, hot dog e birra, tanta birra. Che buona la birra ceca, buona davvero.

Ma vado con ordine.

La prima impressione - positiva - della città l'ho avuta in aeroporto. La linea di autobus 119 collega perfettamente alla città, non c'è praticamente modo di sbagliarsi, nonostante la lingua ceca sia davvero particolare. Questo bus fa capolinea alla fermata della metro Nádraží Veleslavín (linea A), dove ci fermiamo a mangiare il nostro primo hot dog (il primo di una lunga serie).

gattosandro viaggiatore
Praga

mercoledì 26 giugno 2019Aggiornato il:

Viaggiare col bagaglio a mano (con Easy Jet)

Sono appena rientrata dal mio viaggio a Praga (di cui vi racconterò nei prossimi post) e quello che vorrei raccontare oggi, dato che in aeroporto ho notato una certa confusione, è come fare per volare tranquilli solo col bagaglio a mano.

Ho inaugurato - finalmente - il mio Cabin Zero, che ha le stesse dimensioni del mio trolley ma essendo uno zaino è morbido ed è molto più pratico. Ho preso un 36L e le misure sono, appunto, quelle del bagaglio a mano (45X31X20 cm) accettate da praticamente tutte le compagnie aeree. Tranne Ryanair, naturalmente, dove per bagaglio a mano gratuito intendono una pochette.

Se guardate sul sito Cabin Zero per ogni zaino (e in base alla capacità scelta) si apre il menu a tendina dove vengono specificate le compagnie aeree che lo accettano come bagaglio a mano.

Se ve lo state chiedendo, NO, non è un post sponsorizzato. Magari! Questo zaino non è economico ed io ho colto al volo una mega offerta del Black Friday dello scorso autunno per accaparrarmelo ad un prezzo scontato.

gattosandro viaggiatore
Il mio Cabin Zero Jaipur Pink (un colore sobrio)

martedì 11 giugno 2019Aggiornato il:

Rimini sotto la pioggia

Rimini era la mia tappa preferita delle primissime vacanze da sola in cerca di mare, sole e tanto divertimento. Sto parlando quindi di un secolo fa, e non ricordavo assolutamente che fosse così bella.

Forse col passare del tempo ho imparato a vedere cose che prima non notavo, o forse quando ero molto giovane mi guardavo intorno con occhi diversi, non lo so. Fatto sta che sono stata a Rimini una mattina di fine maggio (durante il meeting di Travel365) e nonostante la pioggia ho scoperto che è bellissima.


Rimini sotto la pioggia (e la mia passione per i chioschi)


giovedì 6 giugno 2019Aggiornato il:

Disconnettersi per ritrovarsi: il detox digitale in vacanza

Sono diventata smartphone-dipendente. Ho sempre detto no, io non sarò mai schiava del telefonino, e invece ci passo buona parte della giornata. Non cazzeggio solo sui social, non lo uso solo come aiuto per la memoria (ogni volta che non ricordo qualcosa invece di sforzarmi, googolo), ci passo anche le ore giocando.

E spesso mi ritrovo a interrompere la partita, leggere una mail, se è il caso rispondere, riprendere la partita, ricevere un commento, mettere cuoricino o ignorare, dimenticarmi a quale delle ventisei pagine aperte stavo dando retta e pensare che mi ci vorrebbe una vacanza (senza telefono).


Nei miei primi due viaggi in Cina non avevo Internet, usavo solo il wi-fi degli ostelli quando rientravo in stanza, solitamente solo per controllare gli spostamenti successivi. Tra l'altro molti siti non li potevo nemmeno aprire perché erano censurati.
E sono stata benissimo.

Ho provato la sensazione di essere davvero dall'altra parte del mondo. Lontana. Immersa in una cultura completamente diversa, potendo contare solo sulle mie forze (e le mie mappe cartacee, o il mio istinto).

Libera di vivere la mia esperienza senza condividere foto e racconti in tempo reale. Pienamente immersa nel viaggio, senza distrazioni, preferendo il finestrino allo schermo (anche, o soprattutto, in senso metaforico).

Esistono ancora posti così? L'ultima volta, appena sono arrivata a Pechino, ho attivato il VPN quindi ero di nuovo connessa col mondo. Per carità, poter usare google translate in un Paese dove l'inglese è parlato poco (e male) è una comodità, ma dei social avrei potuto farne a meno.
Credo che ogni tanto sia necessario staccare davvero, da tutto.


Disconnettersi per ritrovarsi: il detox digitale in vacanza