Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

venerdì 27 luglio 2018Aggiornato il:

Cucina peruviana: dove trovarla (a Torino)

Metti che una sera ti viene voglia di cucina etnica, ma sei stufo del solito cinese, non ti va il sushi, e l'indiano non lo digerisci.

Metti anche che non hai voglia di muoverti in macchina e abiti in zona Piazza Statuto, e qualcuno che ci è già stato ti propone con entusiasmo un ristorante peruviano.

Tu che fai? Gli dici di no?

Un tappeto appeso



Il ristorante in questione si chiama MIJUNA WASY e si trova in via San Donato (di fronte alla Chiesa Immacolata Concezione). Visto da fuori non è poi così invitante, ma non fatevi influenzare dalle apparenze. L'accoglienza è calorosa, e l'interno è carino, con le pareti dorate e le decorazioni appese.

I camerieri sono simpatici, gentili e disponibili, e insieme ai menu ci portano una ciotolina di mais salato croccante come benvenuto. Cominciamo bene.


Mais croccante

Allora, non sono (ancora) mai stata in Perù, e non ero mai stata prima in un ristorante peruviano perciò la mia conoscenza dei piatti si limita a quanto avevo visto a Pechino Express e ad alcuni documentari. Per il resto ignoranza allo stato puro.

Dunque abbiamo ordinato seguendo l'istinto, e quando il cameriere ci ha detto "basta così, siete in tre ma avete ordinato per sei, fidatevi di me, non ce la farete mai a finire tutto" ho intuito che da queste parti le porzioni sono più che abbondanti. E aveva ragione, naturalmente.

Bando alle ciance, entriamo nel magico mondo dei sapori peruviani, e partiamo subito con gli antipasti.


Anticuchos de corazón

Primo antipasto: Anticuchos de corazón. 

Tre spiedini di cuore di vitello con contorno di papa huancaína (patate con una salsa al peperoncino).
Mi sembrava un antipasto perfetto, dato che siamo in tre e gli spiedini ci piacciono assai, ma ehm, no, quel corazón mica lo avevo letto bene. E dire che l'estate è la stagione dei tormentoni spagnoli dove amor e corazón sono parole che vanno alla grandissima.

Comunque, ho sbranato il mio spiedino con gusto e mentre ero all'ultimo boccone, quando la parola cuoricino è giunta alle mie orecchie, ci sono rimasta un po' di sasso. Ho mangiato il cuore. E mi è pure piaciuto. Non ho altro da aggiungere.


Chevichito

Secondo antipasto: Chevichito.

Il cheviche in Perù è considerato Patrimonio Culturale Nazionale. Quello che abbiamo preso noi come antipasto è la versione mignon, il chevichito. È composto da pesce a pezzettini condito con lime, cipolla e peperoncino, accompagnato da camote (una patata dolce), yuca (manioca, è un tubero), mais e foglie di lattuga.

Il gusto è indescrivibile, questo è un piatto saporito, aspro ed estremamente gustoso. Crea dipendenza, davvero. È una delle cose più buone che io abbia mai assaggiato.


Ci siamo già abbuffati e siamo solo agli antipasti. Passiamo alle portate principali.

Panoramica sui piatti (sottotitolo: la grande abbuffata)


Parihuela

Zuppa di frutti di mare, pesce, cozze e vongole. Questa è la zuppa tipica delle città costiere del Perù, e pare che abbia origine dai pescatori che preparavano questa zuppa al termine delle loro lunghe giornate di lavoro.

La dimensione del piatto si avvicina a quella di una bacinella, e la quantità di frutti di mare all'interno della zuppa è impressionante. Sulla qualità e sul gusto non ho dubbi, è tutto buonissimo.

Parihuela

Bisteck lo pobre

Bistecca di vitello alla piastra con contorno di riso bianco, uovo all'occhio di bue, patate fritte, banana fritta e insalata. Una cosina leggera leggera, direi, che ho mangiato in due tempi perché una pausa era necessaria. Il cameriere rideva, mentre gli dicevo "non portarmi via il piatto che mi sto solo riposando"

Questo è forse il piatto meno particolare tra i tre che abbiamo preso, ma avevo voglia di carne e direi che sono stata ampiamente soddisfatta. L'uovo, tra l'altro, era cotto come piace a me, bello cremoso e poco unto (e io sono di bocca buona per tutto, ma sull'uovo sono molto esigente).

Bisteck lo pobre

Bandeja marina

Questo piatto è enorme, io non so se la foto rende l'idea ma andava bene per tre persone come minimo. Se poi pensi che bandeja significa letteralmente "vassoio" allora dici ok, tutto torna.

È composto da arroz con mariscos (riso con frutti di mare), pescado frito (quel pesce gigante che vedete in foto), cheviche mixto (più o meno la stessa quantità del chevichito che ci hanno portato come antipasto), choritos a la chalaca (cozze ripiene) e jalea mixta (la frittura di pesce).

Con così tante cose nel piatto sembra quasi impossibile che non si riesca a trovare nemmeno un difetto in questa bandeja marina. Anzi un difetto ce l'ha: si fa una faticaccia boia a finirlo! La prossima volta, quando un cameriere ti dà un consiglio, ascoltalo.



Sarà stato l'ambiente caloroso, l'ottimo cibo, o il vinello che scendeva giù bene, ma questa cena mi ha resa euforica. E tra l'altro abbiamo finito quasi tutto, questo và detto.

Rotolando verso la cassa per pagare ero proprio contenta, anche se sapevo che il conto sarebbe stato commisurato alla quantità esagerata dei piatti ordinati. Ce la siamo cavata con una quarantina di euro a testa, che mi sembra una cifra più che onesta, e un bicchierino di pisco offerto giusto per terminare a bomba (il pisco è un liquore fortissimo).


La cucina peruviana è schizzata ai primi posti dei miei sapori preferiti, è stata proprio un'ottima scoperta. Mi toccherà pensare seriamente di andare in Perù.



20 commenti:

  1. Non ho mai provato la cucina peruviana, ma adoro quella messicana.
    Cose da fare prima di morire?
    Andare in questo ristorante.. 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Messico!! Ecco un'altra cucina che andrebbe provata, a Torino ma soprattutto sul posto originale!!

      Elimina
  2. Praticamnte non mangerei solo il cuore allo spiedo... no, mi fa troppa impressione XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io nemmeno! Non mi sono resa conto di ciò che stavo mangiando, altrimenti col cavolo che l'avrei ordinato. Però fevo ammettere che era buono...

      Elimina
  3. Siiii!! La cucina peruviana è fantastica e da quando l'ho scoperta ne sono dipendente. A Torino ci sono un sacco di posti buonissimi: ti consiglio Antojitos Peruanos, La Rustica e Vale un Perù. Intanto mi segno questo in cui sei stata perché non lo conoscevo 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li devo cercare perché non li conosco. Ma davvero abbiamo così tanti ristoranti peruviani a Torino?

      Elimina
  4. A parte il fatto che poi mi devi dire dove abiti perché mi sa che siamo abbastanza vicine ed io ero convinta che tu abitassi da tutt'altra parte, questo locale lo vedo da un pezzo, ma, non avendo mai sentito nessuno parlarne non ho mai approfondito, adesso proveroa convincere sua bionditudine a provarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che ne vale la pena! E poi sono simpaticissimi :)

      Abito dove c'è l'Arco (Il cinema porno 😁). Da casa mia a piazza statuto sono 5 minuti a piedi

      Elimina
    2. Lo proverò! Ahahahah! Sei vicinissima al mio ufficio! (E comunque pure io ho il Roma blu vicino a casa, credo siano gli unici due cinema porno sopravvissuti in città!) 😂

      Elimina
  5. Guardando le foto mi sa che io non potevo mangiare nulla, però le foto sono oggettivamente invitanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti non ho potuto applicare il bollino "ok per Gilda" su nessun piatto 😭

      Elimina
  6. Che meraviglia! Non conoscevo per niente la cucina peruviana ma le tue foto sono davvero invitanti, da provare!! Peccato essere praticamente dall'altra parte dell'Italia :/ mi sa che in zona da me non esistono i ristoranti peruviani..a malapena ci sono quelli giapponesi ahahaha *risatina nervosa di chi vuole il cibo etnico* XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dove abiti? Io non avevo mai fatto caso alla presenza di ristoranti peruviani a Torino, magari ce ne sono anche da te.

      Elimina
  7. Con un cicchetto di pisco virtuale vado a tentare di digerire tutto 'sto bendidio, virtuale ma reso saporito dalle belle immagini e dalla descrizione, come sempre precisa e ammiccante. Prima o poi tornerò a Torino e vedrò di visitare questo santuario.
    Ciao e complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao gattonero!!! Se torni a Torino fai un fischio, che il cicchetto di pisco ce lo facciamo insieme 😊

      Elimina
  8. Io avrei preso la bistecca di vitello alla piastra con contorno di riso bianco e uovo all'occhio di bue oppure il pesce fritto, il cuore assolutamente no (non riesco neanche a mangiare il fegato!).😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fegato non piace nemmeno a me, e se avessi letto meglio il menu avrei evitato anche il cuore 🤣 Però devo ammettere che era buono.

      Elimina
  9. Ottima cosa promuoverla.
    In italia purtroppo la cucina peruviana non è ancora rinomata come all'estero. In questo siamo troppo provinciali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un peccato che si conosca così poco. Io stessa ho scoperto questo ristorante grazie ad un amico che ci era capitato per caso.

      Elimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.



Info sulla Privacy